Gestione dei dispositivi di frenatura

Gestione sicura dei dispositivi di frenatura.

La gestione sicura dei dispositivi di frenatura nell’automazione degli impianti è un tema complesso e importante. Se viene trascurata, è possibile provocare danni a persone e macchina!

Questo diventa particolarmente chiaro nel contesto di assi esposti alla forza di gravità (anche assi verticali): l’usura meccanica o la contaminazione dei freni con olio possono causare la caduta o l’abbassamento involontario dell’asse. Se non si può escludere un guasto ai freni e le persone possono trovarsi nella zona di pericolo, è necessario adottare misure di riduzione del rischio.

Gestione dei dispositivi di frenatura

Come si fissano a norma gli assi esposti alla forza di gravità?

Le misure che possono o devono essere prese per assicurare gli assi esposti alla forza di gravità sono indicate in queste due pubblicazioni:

  • Foglio informativo della divisione DGUV n° 005 09/2012: Assi esposti alla forza di gravità/assi verticali
  • DIN EN ISO 16090-1:2019-12: Sicurezza delle macchine utensili – Centri di lavoro, fresatrici, macchine transfer, Allegato G: Assi esposti alla forza di gravità

Le pubblicazioni indicano quali dispositivi di frenatura sono adatti a fissare gli assi esposti alla forza di gravità, a seconda della rispettiva situazione di pericolo. La norma DIN si basa sulla pubblicazione DGUV, ma pone requisiti più rigorosi sul concetto risolutivo. Entrambe le pubblicazioni descrivono le raccomandazioni per i test ciclici di verifica dei freni. La norma DIN presuppone sempre questo. Nel caso in cui una persona possa rimanere completamente o parzialmente sotto l’asse verticale, DIN e DGUV suggeriscono ad esempio l’uso di un freno di arresto in combinazione con un sistema frenante ridondante.

Tutto da un unico fornitore.

Per questo approccio, STÖBER Antriebstechnik GmbH + Co. KG propone una soluzione sviluppata insieme all’azienda Pilz: l’azionamento SD6 con il modulo di sicurezza SE6 offre una funzionalità di sicurezza innovativa e indipendente dall’encoder e una gestione sicura dei dispositivi di frenatura adatta per fino a due freni.

Le numerose funzioni di sicurezza rispondono ai requisiti della norma DIN EN 61800-5-2 e sono certificati secondo SIL 3, PL e (cat. 4). L’azionamento SD6 soddisfa i requisiti della norma DIN EN ISO 16090-1:2019-12 per la protezione degli assi esposti alla forza di gravità, ad esempio in combinazione con altri due componenti STOBER: in combinazione con un motore STOBER con freno di arresto e l’adattatore motore ServoStop con freno integrato, STOBER offre una soluzione semplice e sicura per progettisti e costruttori di macchine.

ILL Sicherheitstechnik Funktionen Kennlinien SSR_PP_2

Funzioni di sicurezza

Per saperne di più sulle funzioni di sicurezza estese.

Ha qualche domanda?

Con la combinazione di SD6, SE6 e un riduttore con freno di arresto ServoStop, vogliamo fornire un supporto ancora più completo in termini di sicurezza.

Contattateci. Saremo lieti di fornirvi consulenza.